Monte Corvo

Grotta del capraro e Vetta di monte corvo

23 giugno 2017 la grotta del capraro, finalmente dopo averla assaporata con Paolo (a proposito eravamo proprio arrivati vicino) oggi ci sono riuscito. Siamo io Emilio e Vincenzo, lasciata l'auto al Fioretti partiamp per il classico sentiero del Corvo...inutile dire che il posto è tra i più belli del Gran Sasso. Arrivati allo Stazzo Le Solagne lasciamo il sentiero e ci dirigiamo verso la grotta, un'impettata di 1000m che se non viene presa con il giusto ritmo ti fa "male". Emilio decide di fare un giro diverso rimanendo nei pressi dello Stazzo mentre io e Vincenzo siamo decisi ad arrivare alla grotta. Arrivati quasi nei pressi della stessa c'è il punto chiave dove bisogna mettere le mani su roccia (passaggio delicato) che superiamo senza troppe difficoltà (questo passaggio si potrebbe evitare portandosi un po sulla destra dove c'è un facile canale). Arrivati alla grotta si rimane senza fiato per la bellezza del posto, veramente eccezionale. Foto a go go e ripartiamo alla volta della vetta del Corvo rimanendo in quota portandoci verso est fino ad intercettare un canale tramite il quale raggiungeremo la cresta e poi la vetta. La discesa per la sella del Corvo e poi il sentiero classico fino al Fioretti. Escursione appagante e faticosa, la fatica viene ripagata da panorami unici...il chiarino ed il Corvo sono il massimo per me. Grazie a Vincenzo ed Emilio. Escursione NON adatta a tutti.

Grotta delle Ciaule 09 GEN 2014

Dall'Az. For. di Monte Corvo alla Fossa, famosa per la colonia di colossali Abeti Bianchi più a sud d'Europa, con una piccola deviazione per visitare la pressochè sconosciuta Grotta delle Ciaule.

Il Monte Corvo Salendo da Prato selva

Giro ad anello con partenza dalla località di Prato Selva fino a raggiungere la vetta del monte Corvo a quotab 2623 m s.l.m.

La grotta del capraro e Monte corvo

23 giugno 2017 la grotta del capraro, finalmente dopo averla assaporata con Paolo (a proposito eravamo proprio arrivati vicino) oggi ci sono riuscito. Siamo io Emilio e Vincenzo, lasciata l'auto al Fioretti partiamp per il classico sentiero del Corvo...inutile dire che il posto è tra i più belli del Gran Sasso. Arrivati allo Stazzo Le Solagne lasciamo il sentiero e ci dirigiamo verso la grotta, un'impettata di 1000m che se non viene presa con il giusto ritmo ti fa "male". Emilio decide di fare un giro diverso rimanendo nei pressi dello Stazzo mentre io e Vincenzo siamo decisi ad arrivare alla grotta. Arrivati quasi nei pressi della stessa c'è il punto chiave dove bisogna mettere le mani su roccia (passaggio delicato) che superiamo senza troppe difficoltà (questo passaggio si potrebbe evitare portandosi un po sulla destra dove c'è un facile canale). Arrivati alla grotta si rimane senza fiato per la bellezza del posto, veramente eccezionale. Foto a go go e ripartiamo alla volta della vetta del Corvo rimanendo in quota portandoci verso est fino ad intercettare un canale tramite il quale raggiungeremo la cresta e poi la vetta. La discesa per la sella del Corvo e poi il sentiero classico fino al Fioretti. Escursione appagante e faticosa, la fatica viene ripagata da panorami unici...il chiarino ed il Corvo sono il massimo per me. Grazie a Vincenzo ed Emilio. Escursione NON adatta a tutti.

Monte Corvo da Prato Selva per il Malecupo

15 aprile 2017 monte corvo, fortissimamente corvo, la montagna più bella in assoluto...secondo me ovviamente. Con Augusto era molto che volevamo salire dalla cresta nord est in invernale ed oggi così è stato. Partiamo da Prato Selva (ore 7:30), siamo io Augusto appunto Marco Gianni e Stefano. La neve, ottima consistenza, inizia praticamente subito e saliamo senza particolari problemi; aggiriamo Colle Abetone e poi, arrivati ad un pianoro, decidiamo di salire in cresta (eccellente vista sulla nostra cresta e sulla Valle del Fosso del Monte) fino al bivio per il rifugio del monte dove arriviamo di li a poco. La quantità di neve è enorme (siamo sui 1500/1600) accumuli spaventosi sul sentiero per il rifugio (2/3 metri in alcuni punti). Arrivati nei pressi del rifugio piccola sosta (?) per rifocillarci un pò...grazie a Gianni ed Augusto per gli ottimi dolci e via verso la Valle del Fosso del Monte. Anche qui ottima neve che ci facilita non poco la progressione e scenari da bocca aperta, nel mezzo della valle bisogna decidere e valutare se il nostro progetto è fattibile.Sulla cresta nord non ci sono cornici e la neve compatta ci convince.....giunti a quota 1950 circa decidiamo di salire per un bellissimo canalino che ci condurrà in cresta facendoci evitare il pezzo di cresta con rocce un pò rognoso. Arrivati in cresta (quota 2170) inizia il bagno di sangue..ci attende una pettata di 450 metri che ci condurrà sulla vetta; certo il panorama è da capogiro...Intermesoli Valle Venacquaro Corno Grande e Piccolo insomma il top con il Malecupo sotto di noi. Arrivati in vetta troviamo moltissimi scialpinisti ed assaporiamo anche una gustosa colomba. Foto e video di rito e si riparte verso la vetta occidentale che tocchiamo da li a poco. Scendiamo sulla cresta che sovrasta il Crivellaro ed a quota 2225 scendiamo sullo stesso tramite un facile canale. Dentro alla valle del crivellaro sembra di essere in un'altra dimensione; piena di ottima neve con il Mozzone li ad un passo. Tramite sentiero classico torniamo al bivio per il rifugio del monte e poi torniamo a Prato Selva per il percorso di salita. Grandissima escursione nella zona più bella del Gran Sasso....grazie a tutti

Monte Corvo dal chiarino

5 Maggio 2017, Livio mi chiede di organizzare un'escursione insieme ed io ne sono più che contento....so anche che lui non è mai stato sul Corvo ed allora la scelta è obbligata.....e li che si va. Con la macchina arriviamo fino al Fioretti e si parte (ore 8:30) dove ci attende un branco di 7-8 cervi...Livio già sbava dagli occhi davanti all'immensità del chiarino...è sempre uno spettaco ed ogni volta sembra sempre la prima. Nei pressi dello stazzo "Le Solagne" iniziano le lingue di neve, ottima per camminare (non indosseremo mai i ramponi oggi). La salita alla sella del Corvo è sempre una bella pettata poi oggi fa anche parecchio freddo che non aiuta assolutamente; seguendo le lingue di neve non arriviamo proprio alla sella ma decidiamo di raggiungere la cresta attraverso della roccette che si trovano sulla destra del sentiero estivo. A quota 2200m circa troviamo neve fresca di stanotte (5-10 cm) ed è sempre uno spettacolo calpestarla per primi; seguendo il sentiero ufficiale arriviamo in vetta dove ci attendono delle nuvole basse che ci rovinano un pò il panorama ma non fa nulla, grandissima soddisfazione comunque. La discesa per la stessa via di salita. Bellissima escursione in compagnia di un grandissimo amico.

Stazioni invernali

  • La stazione invernale della Majelletta

Itinerari Invernali

  • Rocca Santa Maria: Il Ceppo

    Itinerario sui Monti della Laga nell'omonimo parco nazionale. Escursione consigliata per ciaspole, sci di fondo e sci escursionismo.

Snowpark Abruzzo

  • Panorama Park - Passolanciano

Itinerari trekking